Lunedì 2 marzo è uscito “Prima Di Parlare”, il quattordicesimo album di Filippo Neviani, in arte Nek. Nelle dodici canzoni presenti nella tracklist, anche la fortunata Fatti avanti amore, in gara a Sanremo.

Siamo fatti per amare Nonostante noi Siamo due braccia Con un cuore Solo questo avrai da me Fatti avanti amore

Ricordo come se fosse ieri la prima volta che ho ascoltato il brano di Nek a Sanremo. In mezzo a una serie di canzoni pressoché tutte uguali - personalmente, oltre a questo, avevo salvato solo i pezzi di Malika Ayane e Marco Masini - Fatti avanti amore rappresentava una ventata d’aria fresca, uno svecchiamento di cui il Festival aveva bisogno. La storia la sappiamo tutti: hanno vinto i ragazzi de Il Volo, ma il vincitore morale del Festival di Sanremo alla fine è proprio Nek. Ieri, durante la conferenza stampa di presentazione dell’album, ha ammesso e riconosciuto il valore positivo di questo traguardo, in quanto il vero successo di una canzone lo si riscontra nelle radio. Il suo brano, infatti, non solo è quello più trasmesso in radio ininterrottamente dai giorni della manifestazione canora più famosa d’Italia, ma ha anche raggiunto i 5 milioni di visualizzazioni su youtube. Neviani è stato consapevole fin da subito di avere un pezzo potente per le maniLa mia certezza più grande era utilizzare questo singolo come primo estratto di presentazione dell’album, che venisse o meno accettato a Sanremo”. Prima di parlare rappresenta il nuovo sound al quale si sta dedicando l’artista originario di Sassuolo. L’uomo che ci troviamo davanti è un adulto più maturo e consapevole, e se ne rende conto lui stesso, in primis. Lo dice teneramente, mentre tiene in braccio la sua bellissima bambina, tutta intenta a disegnare: “Riguardandomi indietro, avrei fatto le cose in modo diverso. L’album precedente ha sancito la fine della collaborazione col mio ex team, era più essenziale e tetro. Oggi sono più diretto e chiaro nel dire le cose. Prima di parlare nasce sotto il segno della sinergia con questo nuovo gruppo di persone, è luminoso ed è ricco di contaminazioni sonore: il pop rock si fonde con la dance e l’elettronica, si amalgama con gli archi e l’orchestra”.

Filippo Neviani crede totalmente in questo nuovo lavoro, costellato di potenziali singoli. A differenza di tanti suoi compagni di viaggio a Sanremo, che hanno pubblicato i loro album nella settimana del Festival, ha voluto aspettare i primi di marzo per essere totalmente certo che tutto fisse curato nei minimi dettagli. Scelta che, stando al risultato, si può definire indovinata. “Tengo particolarmente a questo album - aggiunge - perché ogni pezzo ha riferimenti autobiografici”. Nella tracklist non poteva mancare la cover di “Se Telefonando” di Mina, che gli è valsa la vittoria nella serata delle cover “Abbiamo scelto questo brano perché era una sfida: non è facile approcciarsi con un brano storico, col testo di Maurizio Costanzo e la musica di Ennio Morricone. Nella versione originale, è un arrangiamento che ti costringe ad essere sempre a mille con la voce. Però, ho pensato che potesse essere interessante interpretare la canzone in chiave rock, attualizzandola e arrangiandola come se fosse mia”.

Nek è tornato definitivamente anche se, tiene a precisare, “non me ne sono mai andato”. La novità è che la partecipazione a Sanremo ha segnato la consacrazione e l’approvazione anche nel mondo della stampa “La stampa non è mai stata generosa con me. Per questo, quando ho visto alcune scene di entusiasmo dalla sala stampa per me, non ci potevo credere. E’ stato un riscontro straordinario”. Risposta positiva derivante dall’innovazione portata sul palco dell’Ariston “Avete apprezzato Fatti Avanti Amore, vi ha convinti. E’ stato questo il motivo per cui l’avete premiata!”.

Caro Nek se posso permettermi di dire la mia, in questo mio piccolo angolo di mondo, abbiamo avuto ragione ad essere entusiasti e premiarti. Perché se Il Volo, per taluni, rappresenta l’eccellenza italiana, tu hai trovato la chiave per entrare nelle orecchie degli italiani e restarci. Fatti Avanti Nek!

Aggiornato:

Scrivi un commento